Perdendo di vista l’insieme

Religiosamente parlando ci sono due prevalenti fronti. In uno, c’è un’idea di Dio presidenziale; presidenziale nel senso che esiste se lo “votiamo”. Nell’altro c’è un idea di Dio, indiscutibilmente sovrana! Naturalmente, Dio ragiona da Dio, e sono certo che se ne sbatte delle nostre valutazioni su di Lui. Non è così, però, per quelli che reggono le idee di Dio su di noi. Quelli non se ne sbattono delle loro idee di Dio, perché, quelli, ragionano da IO. Tutte le religioni sanno che Dio è l’Uno. Quindi, tutte dovrebbero convogliare nell’Unica idea. Sino a che si tratta di idee, il convogliamento è scontato, ma quando a dover convogliare sono i Sistemi che reggono l’idea di Dio, (e che ne sono retti) è tutto fuorché scontato! Nel sistema presidenziale, tutte le povere pecorelle vanno un po’ per i cavoli loro. Nell’altro sistema, invece, sono parecchio intruppate! Allora, di fonte al possibile bisogno di intruppare le pecorelle presidenziali, che può fare un Sistema religioso se non irrigidire la Disciplina? Mi dirai, perché mai dovrebbe esserci il bisogno di intruppare le pecorelle presidenziali? Per forza! Se c’è un solo Dio non può esserci più di una Chiesa! Al più, variabili punti di vista su le architetture idiologiche.  Nella religiosità presidenziale più duttili nel magistero perchè devono tener conto dell’alveo sociale. Nelle religiosità sovraniste, invece, rigide perchè fondamentalista la loro idea di Dio. Secondo me, il cosiddetto scontro fra civiltà è uno scontro fra religioni. O meglio, ambo le civiltà, sono così innervata nella rispettiva religione che non si saprà più distinguere se è scontro fra civiltà, o scontro fra religioni, ma, scontro sarà! Come evitare questo possibile scontro? A mio avviso ci sarebbe un solo modo: universalizzare Dio liberandolo dagli artigli dei vicari. In attesa di questa possibilità, che altro può fare il papato se non arroccarsi sui suoi Dico?

Marzo 2007

separa