Chiesa e celibato

Cari i miei Atei: mi sta risuccedendo un fatto che sapevo ma che avevo rimosso. Lo vorrei accostare al problema del celibato ecclesiastico, giusto per dire dove la chiesa è saggia e dove non lo è. Ho vissuto non poco la mia sessualità. Così, più che guardare l’uomo, o solamente il maschio, ormai gli faccio i raggi X. E questo è un bene perche mi evita delle possibili cantonate; e questo è un male perché mi nega la speranza  di credere in quello che desidero. Sapete bene, che per amore intendo una corrispondenza di stati. Con i miei sciagurati, ve lo lascio immaginare che tipo di corrispondenza può stare in piedi! Ma non è uno spirito di sfiducia, quello che per primo frena i miei desideri e/o le mie illusioni; è uno spirito di verità. Non vi dico quanto, comprovata.

Ultimamente avevo un paio di amanti fissi. Vuoi per i motivi appena detti, vuoi perché mi hanno rotto le palle al punto che ho indicato loro la porta! (Sbaglia la giovinezza che crede di potersi permette di essere stronza con l’amante maggiore!] Sto vivendo così, un momento di astinenza. Nulla di grave. Tanto più, perché favorita dall’ovvio calo della mia vitalità. La vecchiaia non sempre è un guaio!

C’è astinenza dal piacere verso il corpo, e c’è astinenza dal piacere verso la mente, ma la vita non può stare in astinenza verso ambedue, così, dove la mente è in astinenza da piacere, la compensa il corpo e dove è astinente il corpo, lo compensa la mente.

Se accostabile il parallelo, si può anche pensare, allora, che la chiesa costringe i preti al celibato, appunto per costringere la loro mente a compensare il loro corpo con quel putativo piacere. Liberi da quella castrazione, quanto, il sacerdote o la suora, saprebbero porre il loro pensiero religioso (con quanto d’impegni che ci gira attorno) prima di un piacere sessuale, che li porterebbe a vivere la loro vita, (omosessuale o eterossessuale che sia) forse prima di quella della missione? Mah! Prevedendo e negando quella possibilità, la chiesa èstata saggia? Dove vi è dolore da mancato equilibrio fra piacere naturale e dovere sacerdotale direi proprio di no! Che dovrebbe fare la chiesa per essere veramente saggia? Secondo me, proibire il matrimonio, ma accettare la diversa scelta. Forse si ritroverà  con meno preti. Forse si ritroverà con preti meno sofferenti. Forse si ritroverà con meno truccati. Forse si ritroverà con più Uomini e più Donne. Forse, si ritroverà.

Dicembre 2007

separa