La Rex pubblica non dovrebbe diventare un sanatorio per depressi e/o una spelonca di ladri!

Mio caro: se c’è una cosa che non fai in alcun modo, è quello (come temi) di farmi incazzare. Ti sai esprimere benissimo. Posso essere d’accordo o non d’accordo, ma ti ascolto sempre molto volentieri. Punto! Dopo di che, c’è sempre difetto di mezzo quando non si collega passione e ragione. La politica è governo della Rex publica (non una fede comunque religiosa) e quindi, punti di vista sul governare che bisogna mediare! Certo! Nella mediazione, un’idea, raramente rimane come la propone l’ideatore. Comunque avvenga, l’importante è che non venga stravolta! Chi l’interpreta la politica come una fede, ha bisogni che vanno oltre, e che si radicano dentro un esistere che ha bisogno di nemici per esistere! La politica, è cura della rex pubblica, non una cura psicologica o psichiatrica nei casi pià gravi di fideismo.

Ottobre 2007 – Detta meglio nell’Aprile 2020

fiori2