Sono andata dall’edicolante

Cara Drita: so’ andà dall’edicolante. El ma dìto: feste tante! So’ andà al supermercà: bon Nadale, anca la’! So’ andà dala farmacista! No go’ fato in tempo a dirghe: voria na’ confession… che anca quela la ma dìto: Bon Nadale e consolassion! Signore dei tempi duri, arieco la tirada dei auguri!

ladritaCaro el me stufà de discorsi un tanto a fià! In vero no’ capisso, tuto sto’ sfoggio de nadalità. Con questo, non me fa dispeto sta’ liquidassion de beate intension. Quelo che me turba la passion, l’è el magon di chi subisse sta’ tiritera anca quando la ghe va’ nera. Se fossi el Creatore, a Nadale torìa de meso le parole! Nel silenssio che subentrarìa, ascoltaressi, finalmente, la voce mia.