So’ l’omo de quela che t’ha apena scrito

Cara Drita: so’ l’omo de quela che t’ha apena scrito. Lè anca possibile che no sapia distinguere la differenssa fra afeto e difeto, ma certo so distinguerli da un cassoneto! Prova ne sia el fato, che go’ preferio sassinarme un diel, piuttosto de tocarghe un pel, quando la me ga negà, na parte de la so qualità.

ladritaCaro el me amante, che le’ drio far quaranta dì de gesso solamente parchè l’ha pensà de essar sta tratà da fesso. Anca a mi mè capità de negar de la qualità al me Toni. Nonostante ciò, stasera ndemo a cena e dopo a balar. Par el resto de la festa, vedaremo ben quanto fià ghe resta. Con questo voio dirte, che, amare, le anca un saver spetare quel che l’amante te da, pienamente, tanto quanto no te ghe meti condission ne la mente. Nel saludarve caramente ve ricordo la regola de Santa Tresca: quando l’amore lè in burasca, tegnì le man in tasca!