Me ga scrito un soldà

Me ga scrito un soldà in partensa per l’Agfanistà

ladritaTesoro caro: diploma de to mama. Dopo averte guarda ti, gò vardà el me Toni. Me so dita: par fortuna gò i limoni! Te immagino fra le piere. Se no se cava sangue da le rape, figurate da quele ere! Me domando sel sogo vale la candela. Forse par na donna no, ma el mondo l’è rotondo e non l’ho miga gira tuto. Vorria tanto essare na bersagliera. Fra mi, ti, el Toni, gavarissimo sa finìo la guera! Ora, bando a la tristezza, cara la me belessa. Butemo via i dolori e metemo in alto i cuori! Te racomando, stammi sempre allineato e, sopratutto, coperto! Telo digo in italian, proprio perché gò el core in man! Dato chel me Toni l’è girà da n’altra parte, te mando un baso, forte – forte. Apena te lo senti, sarà i oci, pensa che gò i to ani, cala i affani e vardate intorno ma sensa sbassar la mira! Ghe anche dei Agfani che non la pensa come mi: par ti, Cesira.