Giunto a metà de la salita

Cara Dita: giunto a metà de la salita me domando come portare avanti el resto de la vita. No gò problemi ne le motivassion. Al più, su come affrontare i costi de le risparassion. Se par farle so’ sensa schei, quanto l’è giusto che le paga i foi, se questo piega el so’ destino sin dal mattino? Se pol domandarghe ai fioj de la carità, e non domandarse a che costi i te la da’? A fronte de na risposta che no l’è ancora rivà, come fasso a volerme ancora sano se quel che par mi l’è vita, par altri, l’è un dano? Certamente bisogna avere fiducia nel futuro, ma, intanto, a quanti ghe lo fasso duro? Me domando dove inizia la comunion sociale, e dove la finisse par rompare le bale, sel Diritto nol precisa quanto posso avere senza sentirme el parassita, de quela vita? Dal momento che par così, de fato, parché noi dixe chiaramente che posso avere sensa ledare el contrato, tanto quanto posso pagar l’affito? Stante, sto inevitabile marcà, i dovaria permetarme de passare ai fioj la vita mia, almanco sensa ipocrisia.

ladrita