Caro el me Stocasso

ladritaCaro el me Stocasso: felicità del sesso se gavesse i ani de na volta. Solo par sincerità te digo che ero bela più de quela che stava a Troia! Se l’è vera chel tempo m’ha lassà solamente el nome della località, l’è anca vera, però, che no gò nessun rimpianto par quelo che l’ha tolto, tuttavia, gò sempre el core in man, così, no ghe geranio e gnanca rosa che i valga quanto mi come morosa. Per tanto, me piasaria, sinceramente, corrispondere d’amor con ti, mente a mente. Mi te diria che te spèto sul balcon. Ti, te podarissi anca dirme, che sensa de mi, la to vita sarìa tuta un rabalton. L’è vera! Con le parole no se scalda batelon, ma, ghe xe sta anca chi, che con un paro de rime in fiore, i gà saltà così tanto la so’ storia, da deventar memoria.

Cara la me Drita: del me paradiso la più bela porta. Quando go’ leto el to invito go’ pensà: ecco la me Giulieta, ma el cuore (chissà parchè nervoso) el ma’ sigà, cativo, tasi, mona! Cossa vòto dirghe ti, a stà gran dona! Lè vera! A la me pora Filomena (che la staga sempre in gloria, par carità!) no ghè che gabia mai cantà l’amor che ghe dovevo. La gavaria pensà: el sa’ imbriagà! Ti, però, co sta’ storia del balcon te me sveià l’età, così, stanote, me so sognà che da sòto te cantavo: “Son fili d’oro i tuoi capelli…”. Non me ricordo el resto parché me so’ sveià, a causa del… pargolo, bagnà.

ladrita

Caro el me Romeo: felici i to’ ani, se el… pargolo, no sa’ bagnà par na’ question de reni.