Go’ siga’ drìo come na mata

Cara Drita: go’ siga’ drìo come na mata: fate pure quela de manco ani, tanto, mi a disnove, so da anssiani, ma, go pianto come na disperata! Cossa me dito, cara Drita.

ladritaCara la me aluvionada da tanta desolassion! Evidentemente, no gavemo ancora capìo la lession! Quando un omo ne porta del dolore, no le’ un amante: l’e’ un tumore! Le’ anca vera, cara mia (dato che non sono partigiana) che le’ un tumore anche la dona se la ga’ la mente da putana. In quanto a ti, sorridi, i disnove i xe sempre un bel dì. Con questo, ricorda che par un fiore piegà nel so’ vaseto, acqua che lo indrissa l’è anca un gran pianto!