Go leto quelo che te ghe scrito

Cara Drita: go’ leto quel che te ghe scrito a la me innamorata, ma chel poeta che come un’ombra stava e i nostri afani testimoniava, come mai no’ la dito anca del me pianto?

ladritaCaro el me trascurà da na rima mancà. Poll’essare che de ti no l’ha dito gnente parché la to dona sigàva più forte.