Cara la me Drita: monte dei me sogni.

Cara la me Drita: monte dei me sogni. Alba infinita sora el me goder. No te ghè più sorele! Come no bastasse sta carenssa, el piaser cominsia a farse raro come un matrimonio poco caro. Tò scrito par dirte che su le vie, gnanca coi schei se trova chi te dise – bona note e sogni bei – come te fasevi ti. Te devi pensare, (stavo par ndare in leto da tanto ero scorajà), che na sera me so fermà soto l’ultima luce che gò trovà. Certo, no l’era quela de i to oci, ma cossa se pol pretendare in sti tempi de peoci. Comunque sia, no la pareva mal, ma, al dunque che sen rivadi, quela che parea na passera, l’era invesse n’altro osel! Dala paura me sà streto el cor (no te digo el cul, ancora come mama lo gà fato), ma l’era cossì dolce nel so far (quela figura strana) che no la mostrava diffarensa nell’amar, cossì, sia pur con molta tolleransa, gò lassà che la manovra sotto la pansa.

ladritaNino caro, Nino belo: inconfondibile bordelo de la me gioventù. La ragion sociale la na taia le ale, ma, par fortuna, il sesso lè na passion chel mostra anca ai orbi, non solo che la normalità le’ na scola che insegna solamente na’ parola, ma che lè anca na’ bottega sensa porte, sel corajo de na’ voja l’è più forte.