Fatìma e altre cose

Secondo il credente islamico tutto è dato dal Clemente e dal Misericordioso, quindi, sia l’atto felice, che il non felice.

apenna

Atto non felice agli occhi del Profeta fu il decesso dei suoi figli maschi. Atto felice la presenza di Fatima. Se tutto è dato dal Clemente e dal Misericordioso, mi chiedo, perché l’Islam degli inizi non confermò la voce di Fatima come secondo Messaggero? Perché scelse di abbandonarsi nella volontà dell’IO, pensando, nel caso, impossibile accettare la volontà di Dio? Ipotesi fosse, si può dire che l’Islam dell’inizio mancò di fede? Perché successe? Secondo me (ovviamente) successe perché l’Islam si trovò a decidere anche secondo potere. In ragione del potere e del suo mantenimento_rafforzamento nessun potere può permettersi di essere pienamente vero. Neanche può permettersi, però, di risultare falso. Dall’inghippo se ne esce? Si, se ne esce proclamando e/o decidendo la verità opportuna. Naturalmente, non sempre viene totalmente accettata e/o da tutti accettata quella verità, così, chi dissente ne attua altre. Trovandosi in casi del genere, tutte le religioni che si sono fatte potere concedendosi alla politica non possono non agire allo stesso modo, e subire le stesse scissioni. Volendo perseguire un dato potere, anch’io sarei costretto ad agire allo stesso modo delle religioni. Situazione vuole (caso, fortuna, o fato che sia) che del potere non me ne può fregar di meno! Alla mia vanità basta e avanza quello di me su di me.