Solitudine

biblioscuro

“La solitudine è una malattia dalla quale è difficile guarire.”

Replico: Lei sta corrispondendo con un Esposto, adottato, con orfanotrofi e collegi alle spalle, e con problemi di identità per alterna sessualità, senza contare l’infanzia e la prima giovinezza in piena povertà. Ora ho 75 anni, il diabete, la minima, sono la mia unica famiglia e l’unico parente, eppure, ora non so cosa sia la solitudine. Lo ero, invece, quando mi conoscevo poco e a ragion rivista, male. Lo ero, quando sottostavo continuamente a un giudizio che mi davo senza clemenza e tanto meno misericordia. Lo ero quanto l’opinione altrui imperava sulla mia. Lo ero, quando, sia socialmente che sessualmente, non ero né carne e ne pesce, ecc, ecc. No, la solitudine non è una malattia: è la febbre che denuncia che non ci siamo ancora trovati e che il mondo va avanti anche senza di noi.