Parenti serpenti

Filippo, aveva due parenti, velenosi come serpenti.
Io – Sono, uno si affermava. Io – Faccio, l’altro gli diceva.
Me ne impipo, Sono diceva a Faccio, quando discordava.
Me ne impipo, Faccio diceva a Sono, quando si fermava.
E, la storia durava, durava!
Ma un bel giorno Filippo si scocciò!
Prese Sono e prese Faccio, e senza alcun però,
in – dis – so – lubil – mente, li legò!
La morale nulla dice, perché, ora, Filippo, tace.

atestpost