Occhio! Diluviano virgole!

adivisorio

Per la verifica dei post lunghi non ho ancora fiato. Mi limito, così (troppa grazia s. Antonio!) a rivedere la parte iniziale dei corti. Misericordia: quante virgole! Ne giustificavo la presenza dicendole necessarie alla comprensione dello stato d’animo che descriveva un dato momento e/o caso. Sono lo strumento che battono il passo all’emozione, mi dicevo. Sono il regista che muove i soggetti in scena, mi dicevo; si mi dicevo ma perché ora mi dico: che palle, Vitaliano!! Forse perché è cessato il bisogno di mettere in scena le parole secondo vissute tragedie? Forse perché, direttamente al petto, ora miro la vita?

adivisorio