Il peccato non è in chi o cosa si ama

adivisorio

Il peccato non è in chi o cosa si ama ma in come si ama e/o si insegna ad amare. Ero di chiara ignoranza ma di altrettanto chiaro istinto, così, non subii alcun genere di trauma quando in Collegio fui desiderato da un prete. I traumi iniziarono quando la cosa venne a conoscenza degli altri preti. Il prete amante fu avvertito di star più attento, ed io fui isolato: visto a distanza. Avevo l’età della terza elementare. Se proprio dovessi denunciare qualcuno, non il prete amante denuncerei, ma quelli che violarono la mia coscienza, penetrandola con il senso del peccato, quando era ancora vergine del senso dell’amore. No, il prete pedofilo non tentò alcun genere di violenza. A quella ci pensarono i preti non pedofili sulla parola!

adivisorio