Come perdamasco

Come perdamasco e come persona, seguo l’idea del Padre (il Principio della vita sino dal suo principio) e l’idea del Principio della vita è la vita: Bene per la Natura Vero per la Cultura                   Giusto per lo Spirito Se lo stato che segna la verità della vita […]

Read More Come perdamasco

Vado al bar

Vado al bar. Fra gli amici una Trans. Racconta delle botte che prendeva dalle suore perché, giocando con le bambine, assumeva ruoli da bambina. “Non capivo perché mi picchiassero!” Raccontava di quella volta che l’avevano chiusa, per ore, fra gli scuri ed i vetri della finestra: al terzo piano! Ho un bel dirmi che non […]

Read More Vado al bar

Tre idee

TRE IDEE PER CAMPAGNE CONTRO NELLA REALTA’ CHE ANCORA NON CONOSCEVO NELLA SUA VERITIERA EALTA’ L’immagine si presenta da sé. Nella realtà veronese di quel fango ho mosso solo una qualche infinitesimale e delebile increspatura. In quel settore assistenziale, un nulla ero all’inizio e un nulla sono rimasto. Tanto più, perché amico di tutti ma […]

Read More Tre idee

Quando ho iniziato

Quando ho iniziate ricerche inerenti la mia sessualità mi sono domandato: dove? Come? Con chi= o in quel posto o in quell’altro. Alla data ora è peggio della successiva? In macchina, o a piedi o è meglio in bici? E, vestito come? Di così o di cosa? Capelli corti o capelli lunghi? Succedeva che se […]

Read More Quando ho iniziato

Sono passati degli anni

Sono passati degli anni dal suo trapasso, ma, tuttora, Don Ottorino ha un posto particolare nei miei ricordi. Era parroco ai Filippini. Gli parlai dei miei problemi di pecorella che si sentiva non poco nera. Mi guardava e mi diceva: lassa fare a Lu! Per Don Ottorino, in qualsiasi caso “ghe pensa Lu!” Ci eravamo […]

Read More Sono passati degli anni

Come al solito

E’ venerdì! Come al solito colazione al giardino e in ritardo più del solito. Di fronte a me un’altra panchina. Tre pensionati tubano sotto una torrida luce. Sulla panchina alla mia destra, in piena ombra, stanziali, due extracomunitari. Non hanno l’aria di essere gravati dalle preoccupazioni conseguenti la precarietà nel vivere. Lo paiono di più […]

Read More Come al solito

Ho appena sbranato

Ho appena sbranato il quarto panino con mortadella. Non male il cabernet che si è fatto sangue. Sotto la finestra passa il presepe. Lo sento isolato dall’emozione che mi sussurra è cosa buona e giusta. Con un amico siamo andati per le vie della città vecchia. Cosa non perdono i turisti, ergastolati alla sola visione […]

Read More Ho appena sbranato

Non ricordo

Non ricordo se mi sia stato più semplice togliermi gli abiti, o togliermi i precedenti pensieri. Certamente sono stato aiutato dall’abitudine di abbassare la luce delle lampade nella stanza, e la luce della verità nella mente. Sai bene, che troppa luce offende gli occhi, e troppa verità allontana la capacità di accoglierla senza traumi. Ma, […]

Read More Non ricordo

Verona, rione Filippini.

Abitavo in un seminterrato: giusto per dirvi che non sempre sono stato baciato dal sole! In lavanderia non applicavano il numero alla mia roba. L’odore di muffa la distingueva con facilità. All’epoca, si distinguevano anche i miei amati. Uno di quelli non se ne vuole andare da casa. Non era cattivo: solo un po’ stronzo. […]

Read More Verona, rione Filippini.

Al Mercato dello Stadio

Al Mercato dello Stadio un giovane che stava friggendo del pesce si gira e mi vede. Sorride un ciao. Sembri un marinaio, mi dice. Si, di acqua dolce, gli rispondo, a mia volta sorridendo ma con strascico di passo in avvio veloce. Ma dove cacchio devo andare di corsa?! E perché cacchio devo sempre sminuire […]

Read More Al Mercato dello Stadio

Folle banderuola

Folle banderuola del mio cuore, che giri giri con il vento, sul tetto, rosso del mio amor, cantava Mina in quel del 1969. Dov’ero nel 1969? Per certo so solo dov’ero il 16 di Aprile del 44. Stavo nascendo. Nel 69, quindi, avevo venticinque anni. Se è vero che l’embrione è già persona, che persona […]

Read More Folle banderuola

Siccome scrivo

Chi conosce il proprio sé conosce il proprio signore. (Attribuita al Profeta) Siccome scrivo sotto influsso dell’emozione e, non sempre ho la padronanza della vita che quella mi suscita, può anche essere che se risulto ripetitivo, lo sono come chi percorre più volte la stessa strada perché non ha sentito bene il percorso che quella […]

Read More Siccome scrivo

Cara Paola

Cara Paola: per via del più alto è possibile, ma per via del più grande di te, è tutto da vedersi. Ammesso che il problema, (o i problemi) inerenti la crescita dell’adottato sia un lutto, (o è anche la morte di un’idea) l’ho superato da un bel pezzo, tuttavia, capisco il senso della tua ricerca, […]

Read More Cara Paola

2) Del prete in oggetto

Di questo mascherato sia come prete che come uomo ho già scritto ma questa mattina mi sono ricordato un’altra delle sue. Eravamo in classe. Non ricordo per quale precedente discorso ma in fine citò Lutero. Ci disse che morì al cesso in conseguenza della perdita delle viscere. Ora, immaginate un bambino che sente dire possibile […]

Read More 2) Del prete in oggetto

C’era una volta

C’era una volta una Baba Ben tenuta, ben messa, ben vestita, ben pensionata. La sento dire: quando lavoravo alla Sip! Mi gelo! Questa Baba è stata una delle angeliche voci della Sip?! In questi giorni, e con la stessa raggelante sorpresa ho constatato la stessa discrepanza fra quello che uno/a è e quello che uno/a […]

Read More C’era una volta

Entro in cucina

Entro in cucinacon nessunissima voglia di farmene. Sullo scaffale sopra il fornello guato la minestra di pollo; inquilino delle stie della Star sino a prima di finire in busta, ma proprio non ho proprio voglia di star lì a girare un miscuglio, dispettoso come il latte non appena ti giri! Guato una scatola di fagioli […]

Read More Entro in cucina

La speranza in amore

La speranza in amore è inattendibile sirena. L’ultimo desiderato della serie ha rotto le palle e questa mattina gli ho dato il Tfr. Sapevo già che sarebbe finita così ma la speranza e la sirena che seduce continuamente i senza tappo per “l’orecchio”. Le ha rotte, per l’impossibilità, (è talmente tipica da farmi pensare che […]

Read More La speranza in amore

Carità

La Carità è una strada dritta? Solo in teoria. In assenza del Segretario sono stato incaricato dallo stesso a sostituirlo. Pertanto, di valutare i casi non previsti e di decidere in proposito su quanto organizzato in accordo con i Gestori della Donazione alimentare. La funzione, tutt’altro che semplice, necessariamente coinvolge la mia visione ideologica della […]

Read More Carità

Su esempio della planchette

Su esempio della planchette (credo si scriva cosi) provai a scrivere delle domande e a metterci sotto un si ed un no come possibili risposte. La penna andava qualche volta sul si o sul no; qualche volta o verso il si o verso il no, ma, o prima o dopo il si o il no. […]

Read More Su esempio della planchette

Ho sognato l’Amato

Ho sognato l’Amato. Dormiva in un letto da ospedale di una volta. In viso l’ho visto dimagrito, pallido e con la barba di qualche giorno: lo ricordavo glabro! Non respirava. Non c’ero presso il letto: c’era solo la mia capacità di vederlo. Mentre lo sto guardando si alza molto rapidamente. Viene verso di me. Mi […]

Read More Ho sognato l’Amato

All’età che mi ritrovo

All’età che mi ritrovo, non del tutto per caso, la sessualità in pratico è emozionalmente scemata. Solo dopo molto l’agisco autarchicamente, più che altro come calmieratrice della vitalità quando diventa fastidiosamente caliente. Fatto sta che una sera mi opero così e poi mi addormento. Stavo nel sonno fra il si e il no, quando nella […]

Read More All’età che mi ritrovo

Dopo aver parlato

Dopo aver parlato della Pedagogia con conoscenti mi venne l’impulso di puntare la penna su un foglio. La penna tracciò le immagini di due ”bestie“: la più piccola stava sopra la più grande. La più piccola aveva la lingua in fuori a mo’ di sberleffo. Ne trassi due conclusioni: o mi sbeffeggiava perché indispettita dal […]

Read More Dopo aver parlato

Sul tardi

Sul tardi di qualche sera fa, dopo aver fatto l’amore con un amico arabo mi addormento, e sogno che sto facendo l’amore con un arabo. Mentre lo sto facendo, all’improvviso mi ritrovo (sotto un cielo con qualche leggera nuvoletta ma limpidissimo) in una estesissima piazza: è circondata da colonne. Le colonne non reggono nulla che […]

Read More Sul tardi

Caro Vit

Caro Vit, la tua lettera è così densa di emozioni, lacerazioni e stridore che mi ha fatto venire mal di testa. Stiamo parlando di una cosetta insidiosissima! Siamo davvero sicuri di poterlo fare con lucidità? Dalla superficie delle tue parole si intravede una voragine nera molto simile alla mia. Io non ho mai avuto pudore […]

Read More Caro Vit

Mi sta succedendo

Mi sta succedendo un fatto che sapevo ma che avevo rimosso. Lo vorrei accostare al problema del celibato ecclesiastico, giusto per dire dove la chiesa è saggia e dove non lo è. Ho vissuto non poco la mia sessualità. Così, più che guardare l’uomo, o solamente il maschio, ormai gli faccio i raggi X. E […]

Read More Mi sta succedendo

Sculettante sorella

Brutta giornata già da stamattina. Avevo fatto delle cosette ieri sera: né belle e né brutte. Per fortuna c’è chi vede e provvede. Tanto è che l’operaio di questa mattina si dimentica (guarda caso) l’unica copia di chiavi all’interno del magazzino. Così, pur piangendo come un disperato (si fa per dire) altro non posso fare […]

Read More Sculettante sorella

Caro Amico

Caro Amico, anche se per Natura siamo stessa pasta, fratello non oso. La Barca che hai dato a Pietro pare un vecchio diesel da tanto spande fumi! Come non bastasse, gli altri fanno miracoli, e Tu, fatti quelli, nisba! Sono sicuro che hai deciso di non farne più perché non dipendessero da Te ma dal […]

Read More Caro Amico

Lo sento così

Amore non amato Amor perdona chi non ha l’ha amato. Amore non amato (sentimento non ricambiato) Amor perdona (l’Amore come sentimento deificato) chi non ha l’ha amato. L’Amore non può non perdonare perché è un Principio e i Principi (in quanto assoluti) non possono mutare il loro principio, quindi, se il Principio dell’Amore è l’amore, […]

Read More Lo sento così

Maat

Alla mente mi è venuto il ricordo della dea Maat già mentre rivedevo il post Diabete e Medianità. Delle figure che per eleggerle divinità abbiamo sollevato dall’umana fanghiglia, tutte, gratta – grata hanno ancora i piedi dove glieli abbiamo tolti. Per me, solo con Maat siamo riusciti (gli antichi egiziani, ovviamente) ad alzarla nel punto […]

Read More Maat

Diabete e Metempsicosi

Sono diabetico. Non ancora da insulina perché riesco a mantenere gli zuccheri entro accettabili valori. Ci riesco perché proibisco alla gola malvagia di darmi ogni genere di mela. Stavo pensando a questo poco fa mentre terminavo di mangiare una confezione di biscotti. E bravo il mio cretino, mi sono detto: se sai che ti fa […]

Read More Diabete e Metempsicosi

Non so quale sia

Non so quale sia la vostra idea di “amore” ma per me è ricerca di comunione. Così, dove non cè la trovo cè la devo mettere! Naturalmente, non sempre mi è possibile la comunione personale. Beh! Dove non è possibile con me, devo mettere una vita in comunione con sé. Ci penserà quella vita, poi, […]

Read More Non so quale sia

Perché mai

Perché mai un “imbecille” si trovi nella situazione di parlare di cose più grandi di lui me lo spiego solamente così: è la vita! Certamente avrebbe potuto scegliere meglio. E, che cacchio! E’ andata a scegliere un tizio che non sa distinguere un congiuntivo da un trattore! Non hai idea di quante volte mi è […]

Read More Perché mai

Senza averne conoscenza

Senza averne conoscenza (figuriamoci coscienza) ho iniziato questo viaggio la notte di Capodanno del 1985 con una storia privata. Nel proseguo delle faccende si è rivelata di fondamentale importanza. Terminato quella storia nel Febbraio del 1991, nella primavera dell’anno sono andato avanti con questa, pensandola e vivendola “a palpeto”, come si dice in veneto quando […]

Read More Senza averne conoscenza

Per la verifica dei post

Per la verifica dei post lunghi non ho ancora fiato. Mi limito, così (troppa grazia s. Antonio!) a rivedere la parte iniziale dei corti. Misericordia: quante virgole! Ne giustificavo la presenza dicendole necessarie alla comprensione dello stato d’animo che descriveva un dato momento e/o caso. Sono lo strumento che battono il passo all’emozione, mi dicevo. […]

Read More Per la verifica dei post

Anche l’Amato

Anche l’Amato andava a picchiar froci da giovane ma quando è mancato, con lui c’era un frocio. Non c’ero, sai, perché era diventato cosciente di una possibile frociaggine ma perché cosciente di esser stato amato da un uomo. No, per me, gli anti frocio non sono dei froci mancati. Sono dei maschi incazzati perché gli […]

Read More Anche l’Amato

Avrete notato

Siamo diversi perché noi stessi o perché no Avrete notato che non vado tanto per il sottile per definire la mia sessualità. Mi sono domandato, però, se questa mia franchezza non possa alterare una qualsiasi forma di rapporto fra me ed i miei eguali: Omo o etero che sia. Risolvo la questione una volta per […]

Read More Avrete notato

Dove abito

Dove abito, al piano terra abitavano degli aderenti alla mia stessa confraternita: la s.Frocio. Uno dei due amava il giardino. L’aveva ricavato mettendo terra su delle pietre. Le piante dovevano aver capito quell’amore perché crescevano da far dispetto ai soliti pollici. A lato del cancello aveva piantato una mimosa. Un sorta di ragnetto per i […]

Read More Dove abito

Ero al bar

Ero al bar con un amico. Finite le ciaccole ci siamo detti: che ci facciamo, qua?! E sono andato a ballare anche stasera. Fanculo i soldi! Siamo andati al Tramp: dalle parti di Brescia. Non ci andavo da qualche anno. Vedo gente naturale, e quindi, bella. La musica, così così! Forse perché bisogna accontentare anche […]

Read More Ero al bar

Dicevo ad un amico

Dicevo ad un amico che nonostante l’età sessuale (tarda) mi ritrovo con tanto pane (occasioni o amanti) ma senza denti: desiderio e/o vitalità. Mi capita così, come questa notte, di essere una sorta di Torre di Pisa che diversamente dall’originale, sale, sale, ma, mai non va su! Giusto per tentar tutto il tentabile ho comperato […]

Read More Dicevo ad un amico

Forse perché stanco

Forse perché stanco ma temo di non aver colto un tuo pensiero su Dio. Dio è Principio assoluto. Un Principio assoluto non può emanare che stati del suo assoluto. Infatti, se conoscesse anche stati di non assoluto, o avremmo più Dio, o non ci sarebbe un Dio. Quale il principio assoluto in Dio? Direi, l’assoluto […]

Read More Forse perché stanco

Urla e stridor di denti

Alla data che cito (Marzo 2020) ho visto che le conclusioni che all’epoca avevo tratto dal “messaggio” erano verosimili perché mi era piaciuto considerarle tali. Preso atto di questo ho fortemente tagliato la lettera. Anni fa, in una sera di agosto ci fu un fortissimo temporale. Al mio rientro, sulla scrivania che avevo sotto la […]

Read More Urla e stridor di denti

Qualche giorno fa

Qualche giorno fa, mentre, per l’ennesima volta stavo rileggendo la verifica della “Confronti” che ti ho mandato un forte schiocco m’ha fatto sussultare. Non aveva suono da sasso, da muro, metallo o legno. Aveva tono deciso, secco, senza echi. Mi sembrò arrivato dalla mia sinistra: notorio luogo dello Spirito quando ci facciamo il segno delle […]

Read More Qualche giorno fa

Dov’é Dio?

La richiesta che hai fatto a Dio, di un alibi per le schifezze che compie la Sua creatura, mi rugava, mi rugava… L’ha fatto, al punto, da mettermi nelle Sue braghe! Pensa te, a cosa mi costringi! Ti mando la Sua risposta. Spero ti accontenti. Pubblicherò anche questa “senza pudore”. Non me ne vorrà e […]

Read More Dov’é Dio?

Ti racconto un sogno

Ti racconto un sogno. Avevo l’intenzione di farlo già al risveglio, ma non mi era sufficientemente chiaro. Non che adesso lo sia del tutto. A braccia aperte, gioioso e con un gran sorriso mi sto avvicinando ad un giovane arabo. Sulla trentina. Magro ma non scarno. Bello perché virile oltre che per i tratti. Non […]

Read More Ti racconto un sogno

L’ultima volta

L’ultima volta che ci siamo visti, D. ha ampiamente dimostrato di essere un notevole messaggero di idee. A proposito di messaggi e di idee, vi racconto un mio brevissimo sogno. Frastornato stavo guardando l’enorme quantitativo di lettere (sino al ginocchio) che, all’apertura dalla cassetta, mi era caduta sulle gambe. Le buste erano di vari colori […]

Read More L’ultima volta

Per memoria dell’acqua e del fango

Per le pulizie della casa sono aiutato da una operaia che lavora per una Cooperativa che lavora per il Comune. In Colombia era un’infermeiera professionale ma qui il suo diploma non viene riconosciuto. Parla l’italiano meglio di me. E’ così diversa (culturalmente e socialmente parlando) che si potrebbe dirla nata a Cavalcaselle. Sa bene come […]

Read More Per memoria dell’acqua e del fango

Non ricordo le parole precise

Non ricordo le parole precise, ma, Cristo, ebbe a dire: chi fa qualcosa ad uno di questi lo fa a me. E’ un’affermazione che sento divinamente giusta, pure, recalcitro, come puledro a briglia corta! Chi è Cristo? Le ipotesi sono molte come le negazioni, quindi, mi limito al messaggio noto. Cristo è via, verità, e […]

Read More Non ricordo le parole precise

Non sono bambino da un pezzo

Non sono bambino da un pezzo, ma anche allora non riuscivo a raffigurarmi un Padre che sacrifica il Figlio per amore. Sicché, ho sempre visto il crocifisso come una domanda senza soddisfacente risposta. Diversamente, una risposta alla crocifissione la trovo, se penso che il Figlio venne ucciso perché un potere ebbe paura. Per questo aspetto, […]

Read More Non sono bambino da un pezzo