Sogno l’Amato

Sogno l’Amato qualche notte fa: siamo abbracciati. Sento il suo desiderio ma non sento il mio. Da qualche parte una voce mi dice: lasciati andare, Vitaliano, lasciati andare. Dietro di lui una borsa aperta. Qualcosa di grigio si muove in quella borsa. Vedo uscire, uno, due, tre, quattro topi. Sento sorpresa, nessun senso di schifo, curiosità, il bisogno di capire. In genere, la figura del topo mette in disagio chi ha problemi con il sesso o con la sessualità. Il topo, però, è anche un roditore: è chi erode. Potevo dirmi, quindi, che l’invito a lasciarmi andare detto dall’Amato, in una “borsa” semiaperta conteneva degli elementi roditori. Di chi? Per chi? Per cosa?