2) Circa la Beatitudine


Umani o non umani che sia la Beatitudine è degli spiriti quieti. Sono quieti gli spiriti che non patiscono il dissidio fra la loro forza e la loro potenza e la forza e la potenza del mondo nativo e/o nel circostante. Il Cristo evangelico ebbe uno spirito quieto? Da quanto raccontato non sempre: è umano. Poteva sapere chi sono i poveri di spirito senza aver conosciuto i ricchi? E, come poteva sapere perché è meglio essere poveri di spirito piuttosto che ricchi per possesso di ulteriore spirito? Per sentito dire? Non lo credo come non credo che abbia inteso beatificare la raggiunta povertà del suo spirito. Credo, piuttosto, che abbia rimpianto il tempo in cui non era ricco della forza e della potenza che gli permise di essere (a quanto ci raccontano) l’esecutore di manifestazioni estranee alla vita di questo stato della vita. A chi da prove della sua Forza e della sua Potenza (del suo Spirito) non da oggi  la Vita prova. Al caso, anche facendo reggere una croce. Simbolicamente parlando, peso della Natura della vita sulla sua Cultura. Lo stato peso può giungere a far cadere in ginocchio lo spirito del provato.