Aveva ragione Silvia Koscina

“Gli uomini si prendono per la gola”

Venerdì 5 cessa il mio lavoro al Carcere. Sostituivo un’ammalata che rientra. Mi sa che dovrete riadattarvi al servizio di prima, dico ad uno dei secondini. Peccato, commenta, ci eravamo abituati. E te credo! Il servizio di mensa serale, da piatto che era l’avevo trasformato in una qualità da ristorante. Ne ho la capacità. Non che potessi più di tanto, ma c’è modo e modo di fare anche le stesse cose, ed io trovo sempre il migliore. Certamente mi è costato più fatica e più corse, ma, sapevo dove volevo arrivare. Non vi dico le perplessità dei fruitori della mensa, quando, abituati all’operaia servizievole si sono ritrovati ad aver a che fare con un altro genere di cameriera: a servizio si, ma non qualunque e non comunque. Avreste dovuto vederli i sorpresi maschiacci, indecisi fra il rifiuto o una recitata civiltà. Ah, è così, mi sono detto! Bene! E adesso vi faccio capire se a fronte di miglioria nel cibo e nel servizio vi importa qualcosa se a farlo è femmina o no: non gli è importato. La giustizia si gusta meglio quando non scotta la lingua.