Ah, signor! Sta sigareta!

ladritaAh, signor! Sta sigareta! Sto ipnotico magheto che ne speta ad ogni tòco de ora, par darme na misura, de tranquillità. La vardo, sta pira strana, mentre la cala sino ai dèi. Pare che la te diga, t’amo, invesse, la scota solamente i pèi. Farne senza costaria solo un poco de pasiensa, ma, de piantarla lì no ghe coragio. Gnanca la fosse un fiol da metare in colegio.

L’era fredo la vigilia de Nadale

Cara Drita, l’era fredo la vigilia de Nadale, ma lo stesso gò ciamà la polissia e all’imbriago che gavevo in casa go’ mostrà la via. El cuore me reclamarìa ancora de la carità, ma no go’ più fià!

ladritaCara la me dissanguada da na scelta intossicada. Da un alcol che se beve un omo non se ricava gnanca el scataron de un pomo de la Val Venosta, quindi, dirìa basta! In quanto al cuore, ol bate secondo la mente ol fa dani! Onde evitarghe l’occasion de parlar par gnente, l’è meio che te lassi chell’ omo nei so’ afani. In certe situassion, trovo verità nel detto: rua – rua, a ognuno la vita sua.

Ndarò sposa sabato che vien

Cara Drita: ndarò sposa sabato che vien. Dovarìa essere lieve come un Nadale cò la neve, o come na Pasqua a le Maldive, invesse, so’ allegra come na strassa butà su na terassa. Se da el caso che senta el cor diviso fra nà passion par un certo Nane (affascinante ma disgrassià non poco) e un certo Gioanin, bravo omo ma solo par l’affetto.

ladritaBimba cara: anca i più gran salami prima o poi i fa la mufa, e par quanto grande sia un pinguino, el dura manco del so’ stéco! La scelta, dunque, la se pone, fra ti e un lungo bene, o, fra ti, e un lungo pene.

Stamatina mè cascà l’ocio sul giornale

ladritaStamattina mè cascà l’ocio sul giornale. Quel che lè restà al so’ posto el gà leto, porco can, che manderemo dei fioi in Afghanistan. Non sarà colpa gnanca de lori, ma semo prorio sfigadi coi Cavalieri! Non solo el na portà in guera quel de ieri, ma anca con quel de oncò, i xe dolori. Che sia el caso de ciaparse in man le bale già da ora prima che i ne le maca ancora? Intanto che sora ghe pensemo, ve ricordo le parole del me poro Nicodemo che l’era Colonelo sul Pordoi: occhio fino e mano lesta, sensa par questo desmentegar, che la più gran difesa, l’è ne la testa!

Cara la me Drita: monte dei me sogni.

Cara la me Drita: monte dei me sogni. Alba infinita sora el me goder. No te ghè più sorele! Come no bastasse sta carenssa, el piaser cominsia a farse raro come un matrimonio poco caro. Tò scrito par dirte che su le vie, gnanca coi schei se trova chi te dise – bona note e sogni bei – come te fasevi ti. Te devi pensare, (stavo par ndare in leto da tanto ero scorajà), che na sera me so fermà soto l’ultima luce che gò trovà. Certo, no l’era quela de i to oci, ma cossa se pol pretendare in sti tempi de peoci. Comunque sia, no la pareva mal, ma, al dunque che sen rivadi, quela che parea na passera, l’era invesse n’altro osel! Dala paura me sà streto el cor (no te digo el cul, ancora come mama lo gà fato), ma l’era cossì dolce nel so far (quela figura strana) che no la mostrava diffarensa nell’amar, cossì, sia pur con molta tolleransa, gò lassà che la manovra sotto la pansa.

ladritaNino caro, Nino belo: inconfondibile bordelo de la me gioventù. La ragion sociale la na taia le ale, ma, par fortuna, il sesso lè na passion chel mostra anca ai orbi, non solo che la normalità le’ na scola che insegna solamente na’ parola, ma che lè anca na’ bottega sensa porte, sel corajo de na’ voja l’è più forte.

Un teleutente me domanda

Un teleutente me domanda, parché la Rai, pur veneranda, le’ drio andare a cassoneti come el gato che ga’ finio i sorxeti.

ladritaCaro el me deluso. Par quanto la diga hoibò, la Rai la va xo’ parché noaltri invidiemo i paroni e svalutemo i mesani. Le “idee alternative” che la cerca par rimpolpare l’odiens che ghe manca, le’ fumo che no vale la cica, se quelo che adesso ghe cale, le’ na debole spina dorsale.

Sono la Lorento

Cara Drita: so’ la Lorento! Me lamento parché al ritratto del Cristo messo prima de un ponte i ga’ fato i bafi!

ladritaCara siora, cossa vola che al Cristo ghe ne frega se i gà sassinà la foto. El Cristo lè più in là, de le monade da puteloto!

L’omo che me pensava

Cara Drita, l’omo che me pensava dominada dal so’ sesso, lo mandà dove i và i partorii nel cesso!

ladritaCara mia, le porte fra gli amanti le xe quele dei sentimenti. Le se verse per farli entrar se i ne da dei rapimenti, o le se verse per farli andar de volta, quando chel Romeo ne dimostra de non valere un schéo! Ma, seto qual’è la roba strana? No sona par nessuno la campana de vittoria parché ghe sempre dei luti par tuti quando finisse na storia.

Forse parché eccità

Cara la me Drita, forse parché ecità, in quela parte la, ma un putelo el me sa sentà vissin in piassa Bra. No l’era male, ansi, l’era belo, ma, gò pensà: ancora no lo sa, che na bela idea divisa a metà, lè come un lesso sensa pearà.

ladritaCara la me sfiduciada. I colori de la vita no i xe de manco dei dolori. Il che vuol dire, che vissin ai to soliti mal de testa, se ga sentà un po’ de festa. Cogli l’attimo: deservelada! L’è meio far matina so na banchina ben occupà, piuttosto de farlo vardando el passà!

Go leto quelo che te ghe scrito

Cara Drita: go’ leto quel che te ghe scrito a la me innamorata, ma chel poeta che come un’ombra stava e i nostri afani testimoniava, come mai no’ la dito anca del me pianto?

ladritaCaro el me trascurà da na rima mancà. Poll’essare che de ti no l’ha dito gnente parché la to dona sigàva più forte.

Go’ siga’ drìo come na mata

Cara Drita: go’ siga’ drìo come na mata: fate pure quela de manco ani, tanto, mi a disnove, so da anssiani, ma, go pianto come na disperata! Cossa me dito, cara Drita.

ladritaCara la me aluvionada da tanta desolassion! Evidentemente, no gavemo ancora capìo la lession! Quando un omo ne porta del dolore, no le’ un amante: l’e’ un tumore! Le’ anca vera, cara mia (dato che non sono partigiana) che le’ un tumore anche la dona se la ga’ la mente da putana. In quanto a ti, sorridi, i disnove i xe sempre un bel dì. Con questo, ricorda che par un fiore piegà nel so’ vaseto, acqua che lo indrissa l’è anca un gran pianto!

La Natura de na volta

Cara Drita: la Natura de na volta la gaveva l’età de l’omo. Adesso, invesse, la sembra chel pomo che i dixe “invernale” parché el par maturà con quel che xe restà.

ladritaCara la me vestìa de na stagion finìa. La to opinion l’è anca vera, tuttavia, la me par massa nera se solo te pensi che par fare chel fruto, anca Lù el ga impiegà non meno del tempo che lè bastà.

Cara Drita: anima mia.

Cara Dita, anima mia, so’ na profe de filosofia. Te si poco femminista.

ladritaCossa voto dir co sta parola vaga? Che se na dona la dà nei denti, i deve ciaparsela nel cul e star contenti? Cara siora, la me filosofia, la se basa su l’eterna lota fra chi gà bega, e chi gà la pota. Par questo, mi so dona perché la ciapo dal me Toni, e so omo, quando ghe digo: se non te fili drito, stasera, te vè a dormire sotto el Ponte Piera! Allora, cara la me dona, soi contro l’omo, o soi contro la mona? Intanto che te ghe pensi sù fate un paro de limoni. Chissà che non te la finissi de farte problemi così coioni.

Volevo dirte del me amore

Volevo dirte del me amore cara Drita, ma un’amica, reverita, al me omo la gà offerto un pomo, cossì, come argomento de sta conversassion, posso dirte solamente la me desolassion.

ladritaCara la me dona, tradìa de Nadale da na’ question che la me fa’ vegner le bale da tanto l’è stantìa. Sèto parché i dixe chel primo amore no’ se scorda mai? Parché semo la prima vita che gavemo amà. Dal momento che ti si ti’, la prima vita, allora, te devi essare ti, anca il primo amore! Così, se la to’ amica la ta’ liberà el cuore da na frasca parassita, di che soffri, mia diletta?

Amo e pensaria anche amato

Cara Drita: amo, e pensaria anche amato ma la me dona la dise che sono poco dotato.

ladritaCaro fiol, se a la to dona no ghe basta la to onda, che la vaga a stracassarse da n’altra sponda, ma, ti, se la to passion l’è un frutto amaro, cossa spetito a butarlo sul loamaro? Certo l’è, che sel me Toni me disesse che gò le labbra poco spesse, o le tete fin par tera, l’avaria mandà a cagar da mane a sera, invesse, con un po’ de fantasia, (e usando i me limoni), come a ventani, femo ancora i coioni.

Devo proprio confessarte

Cara mia, devo proprio confessarte che ne la me vita te si l’unica roba che no va’ storta, ma xa che jero par la via, so andà a farme benedire da na dona pia.

ladritaCara la me sconsolata. Non so chi la sia sta dona pia. Ne che acqua la spanda par benedire gli infelici, ma, verxi ben i oci! L’acqua benedeta da qualsiasi pia dona, la fa miracoli solo par i mona.

T’ho visto passare ieri sera

Cara la me Drita: t’ho visto passare ieri sera. Co la camisa in fora. Te sembravi na bandiera. Mi jero sul balcon. Gavevo del magon

ladritaCara la me tosa, pensierosa. El magon l’è come un’ombra sensa palo. Che senso galo?! Invesse de ruminar su quelo che no ghè, alssate in piè.

El problema che ghe espongo

Cara Drita, el problema che ghe espongo, lè nel fato, che quando fasso l’amore, la me dona siga dal dolore!

ladritaCaro el me fiol, quando na machina lè granda, ma el garag l’è streto, la se mete dentro secondo la regola de n’amico mio: un po’ avanti e un po’ indrio, un po’ avanti e un po’ indrio. Certo l’è, che la to dona sigarà de manco, quando te smetarè de darghe dosso come se la gavesse un pòsso!

Nò lè che son scontento

Cara Drita: nò lè che son scontento del moroso fiorentino, ma lé, che dopo l’amor, sto qua, el se lava el cul sul lavandino!

ladritaTasi, che la te’ nda ben! Pensa chel marìo de n’amica mia, ghe scalda, la… panara col fon da parucchiera! Immagina la scena! El marìo col fon in temperatura, e la moier, tutta in meso a un vapor, che la siga – amooorr? amorrr!!!!  Caro el me tesoro: l’amore vede coi oci de la mente! Da ciò se ne ricava, che le’ orbo se no la val na’ fava!

Gavevo la caldaia onta

ladritaGavevo la caldaia onta. Go’ ciamà l’idraulico. El me la netà. Adorati fioi de strope! Sio sempre drio pensà a le ciape? Comunque sia, par diese minuti de pulissia, centomila, signora mia. I tempi no i sé più queli de na volta. Centomila ogni bòta, (e non se sa quante volte al dì) non le ciapavo gnanca pelando osèi ai tempi bèi de la Torricelli da Forlì. Ecco! Se non savì cossa far dela vostra vita, fasì gli idraulici. Mal che la vaga, peso de così, so andà solamente mi.

Caro el me Stocasso

ladritaCaro el me Stocasso: felicità del sesso se gavesse i ani de na volta. Solo par sincerità te digo che ero bela più de quela che stava a Troia! Se l’è vera chel tempo m’ha lassà solamente el nome della località, l’è anca vera, però, che no gò nessun rimpianto par quelo che l’ha tolto, tuttavia, gò sempre el core in man, così, no ghe geranio e gnanca rosa che i valga quanto mi come morosa. Per tanto, me piasaria, sinceramente, corrispondere d’amor con ti, mente a mente. Mi te diria che te spèto sul balcon. Ti, te podarissi anca dirme, che sensa de mi, la to vita sarìa tuta un rabalton. L’è vera! Con le parole no se scalda batelon, ma, ghe xe sta anca chi, che con un paro de rime in fiore, i gà saltà così tanto la so’ storia, da deventar memoria.

Cara la me Drita: del me paradiso la più bela porta. Quando go’ leto el to invito go’ pensà: ecco la me Giulieta, ma el cuore (chissà parchè nervoso) el ma’ sigà, cativo, tasi, mona! Cossa vòto dirghe ti, a stà gran dona! Lè vera! A la me pora Filomena (che la staga sempre in gloria, par carità!) no ghè che gabia mai cantà l’amor che ghe dovevo. La gavaria pensà: el sa’ imbriagà! Ti, però, co sta’ storia del balcon te me sveià l’età, così, stanote, me so sognà che da sòto te cantavo: “Son fili d’oro i tuoi capelli…”. Non me ricordo el resto parché me so’ sveià, a causa del… pargolo, bagnà.

ladrita

Caro el me Romeo: felici i to’ ani, se el… pargolo, no sa’ bagnà par na’ question de reni.

Giunto a metà de la salita

Cara Dita: giunto a metà de la salita me domando come portare avanti el resto de la vita. No gò problemi ne le motivassion. Al più, su come affrontare i costi de le risparassion. Se par farle so’ sensa schei, quanto l’è giusto che le paga i foi, se questo piega el so’ destino sin dal mattino? Se pol domandarghe ai fioj de la carità, e non domandarse a che costi i te la da’? A fronte de na risposta che no l’è ancora rivà, come fasso a volerme ancora sano se quel che par mi l’è vita, par altri, l’è un dano? Certamente bisogna avere fiducia nel futuro, ma, intanto, a quanti ghe lo fasso duro? Me domando dove inizia la comunion sociale, e dove la finisse par rompare le bale, sel Diritto nol precisa quanto posso avere senza sentirme el parassita, de quela vita? Dal momento che par così, de fato, parché noi dixe chiaramente che posso avere sensa ledare el contrato, tanto quanto posso pagar l’affito? Stante, sto inevitabile marcà, i dovaria permetarme de passare ai fioj la vita mia, almanco sensa ipocrisia.

ladrita

Gheto sentìo de che la casa

Cara Drita, gheto sentìo de che la casa, che sensa un parché, ghe se brusa i còpi e anca i piè? I pensa pure chel sia el demonio. Ghè parfin un prete chel dixe: testimonio!

ladritaCara la me ciapada male da un sospetto de sopranaturale. Par mi, i xe solo i marsiani che i vol farne capire: testa dura, tieni da ti la to spassadura!

La Nuccia me dise

La Nuccia me dise, che no la ga più fiducia ne la vita, e che la se alssa la matina come un abat joùr sensa lampadina.

ladritaCara la me putina! Tuto el mondo sà che dovemo ritrovare de matina quelo chel nà ciavà el giorno prima. Il che vuol dire, che sel nostro abat joùr lè sensa lampadina, dovemo metarghene una nova o, inventarse na manfrina.

So’ l’Ingegner Fritata

Cara la me Drita: so’ l’Ingegner Fritata. Sarà anca par l’età, ma la politica che ga tocà sta epoca la me pare un tale sigamento de opinioni, che no’ se distingue più i torti dalle ragioni. Cossa polo fare un eletore, fra così tanto clamore?

ladritaCaro el me Ingegnere. Sarìa molto semplice dirghe: “el segua el cuore”, ma, anca lì ghè dele robe un po’ così. La vita, l’è vera, le’ fata da na moltitudine de voci. Come, no diventare mati? Dirìa, considerando che tute le cose, quando le xe massa, le deventa n’over dose, quindi, la verità, sta nella qualità che no ferisse nessuno, parché no la lede, la fede de ognuno.

Ho letto che una voce divina

Cara Drita. go’ leto che na voce divina l’è sta becà co’ la marijuana. Anche a quela là, ghe tocarà andare in Comunità.

ladritaCara la me preoccupada da na legera canada. Non so parchè, ma sta storia me ricorda che certi osei i canta ancor più bei quando i xe privadi de la vista. Me domando come la cantarà, che l’anima orbada da la so’ diversità, quando, in Comunità, i ghe darà quela de la normalità.

Me ga scrito un soldà

Me ga scrito un soldà in partensa per l’Agfanistà

ladritaTesoro caro: diploma de to mama. Dopo averte guarda ti, gò vardà el me Toni. Me so dita: par fortuna gò i limoni! Te immagino fra le piere. Se no se cava sangue da le rape, figurate da quele ere! Me domando sel sogo vale la candela. Forse par na donna no, ma el mondo l’è rotondo e non l’ho miga gira tuto. Vorria tanto essare na bersagliera. Fra mi, ti, el Toni, gavarissimo sa finìo la guera! Ora, bando a la tristezza, cara la me belessa. Butemo via i dolori e metemo in alto i cuori! Te racomando, stammi sempre allineato e, sopratutto, coperto! Telo digo in italian, proprio perché gò el core in man! Dato chel me Toni l’è girà da n’altra parte, te mando un baso, forte – forte. Apena te lo senti, sarà i oci, pensa che gò i to ani, cala i affani e vardate intorno ma sensa sbassar la mira! Ghe anche dei Agfani che non la pensa come mi: par ti, Cesira.

Me so’ innamorà de un ragasso

Cara la me Drita: me so’ innamorà de un ragasso, che, in tuto, no’ le’ che un fasso de povertà, però, non lo lasso, gnanca sel dovesse finir nel cesso!

ladritaCaro el me imbriagà, da un amore così appassionà, da non capire che la merda è il dolo dove finimo quando sbagliemo volo.