Anche nel paradiso di Allah

si entra per amore dei, ma non gratis.

Sia pure per altra via, cultura, e un alterno intendere i simboli e i significati, credo nell’esistenza della vita spiritica e spirituale che L’Islam chiama houri. Al proposito, il Profeta sostiene che una volta raggiunto il Paradiso, ai martiri di quella fede spettano settantadue vergini. Non vada oltre con i pensieri il credente islamico umanamente semplice: gli spiriti sono asessuati. Il rapporto di vita fra spirito che sarà e spirito che e’ stato avviene per corrispondenza di forza. In ragione della corrispondenza di forza, la corrispondenza di vita è fra spiriti affini. Per quella necessaria affinità, all’islamico di valore spirituale cinque (ad esempio) corrisponderanno houri di paritario valore. Nessuno può dire, però quale sia l’effettivo stato di spirito del vivente che lascia questo piano della vita. Così, nessuno può affermare, se non per generosità di cuore, con quali spiriti (forze della vita) corrisponderà un trapassato. Al più, lo si può sperare. Si può sperare ma non sapere perché solo dopo il confronto di spirito con quello della Vita, farà sentire al credente con quali spiriti (prossimi o non prossimi allo Spirito) corrisponderà il suo spirito: vuoi per essere servito come anche per servire.  La vita, infatti, non ammette la mancanza di reciprocità perché non ammette il vuoto. Vita, infatti, è corrispondenza di stati in tutti e fra tutti gli stati. Non vi è corrispondenza di stati, tanto quanto vi è errore e/o dolore, sia contro il proprio vivere, sia contro il vivere altrui, sia contro i principi del Principio. Ne consegue che l’entrata nel Paradiso di Allah dei martiri islamici (come d’altra parte di tutti) non può non essere sottoposta ai costi (nondimeno ai guadagni) che vi saranno nell’autonomo giudizio che si darà il credente che avrà raggiunto la Luce: universale simbolo di Verità.

Allah Akbar, Monsignor Vescovo di Verona

Il Dio che è Abkar può non essere giusto? Chiedere la sua giustizia, quindi, è una delle possibilità offerte dalla Sua grandezza. La giustizia tutela. La Sua giustizia è il massimo delle tutele. Allah Akbar, allora, non è solamente il grido di chi combatte in suo nome, ma è anche l’invocazione di chi si protegge con il Suo nome. Poiché abbiamo bisogno di sentirci protetti dai fondamentalismi, (tali perché si sono impossessati di Dio, o, quanto meno, dell’idea che loro hanno di Dio), vedrei l’invocazione araba, non solo teologicamente non contraddittoria, ma anche ritualmente e spiritualmente necessaria al nostro bisogno di pace, tanto, che la introdurrei, (all’inizio di ogni funzione), nei nostri riti.  L’officiante dovrebbe dirla con la lingua della religione che ospitiamo, e i partecipanti al rito, rispondere la traduzione con la nostra. Questo, come tutela spirituale. Come tutela materiale, invece, farei apporre la scritta, ” Allah Akbar”, su ogni sito religioso e/o attinente.  Il dire o scrivere ” Allah Akbar” in arabo, ha valenza maggiore che scriverla in italiano. Non solo perché indica l’inizio di un affratellamento fra parole, (questo nel senso spirituale dei termini), ma anche perché segna l’inizio della cura che medica una ferita che risale a tempi biblici.  Adottare l’invocazione con la lingua araba, quindi, è anche un modo per riparare la colpa di un padre, che, relegando un figlio dove non c’era altro se non odio da coltivare, ha iniziato un male che sta travolgendo tutto e tutti.  Poiché nessuno sa quale parola fermerà quell’odio, allora, potremmo ben cominciare con la Parola, perché, comunque la si invochi, è pur sempre Grande. Allah Akbar, Monsignore.