Arte è la Grande Carota

Arte è la grande Carota, il grande Nirvana, il Grande Paradiso. Da Ginepraio è tragedia. Qualche volta commedia. Non sempre divina. Si, vie dell’arte sono fra il vero ed il falso,  tra sopra e sotto. C’è chi li dice gironi. Non ci sono più febbri che consumano? Non ci sono più corpi che si consumano? La febbre ci ha consumati troppo in fretta? Chi anela ogni giorno? Forse quelli che non sanno che Carota, Nirvana, Paradiso, Ginepraio, Tragedia, Commedia, passano tutti sotto un unico ponte: quello dei sospiri.

La chioccia di un pulcino mi pensavo

Cara Drita: cio ciiio, cio ciiio el me faseva avanti e indrio. La chioccia de un pulcino me pensavo. Ghè bastà n’occasion diversa, e me la so’ ciapà dove bate el suol quando andemo co’ la testa.

ladritaCara la me contusa: i amanti che soga a fare i pulcini, quando i xe nei casini i morsega come chel can che i dise manaro, non appena i ga’ modo de lassare el pònaro. Impara l’arte, ma non inacidire la to parte!

M’ha scritto un ballerino russo

ladritaMe gà scrito un ballerino russo! El me dise chel girava così in tondo, che no ghe stava drio gnanca el mondo. Giunto al massimo de la so cariera, cossa podeva darghe, ancora, la Tera? Cossì, el ga molà tuto, e le’ andà a balàr par l’Infinito! Le stele le se mete sempre da na parte, quando ghe toca a lu, de fare la so arte.