A proposito della circolarità di questa strada

Da decenni mi chiedo come faccio a sapere quanto scrivo ma non trovo nessuna risposta  che convinca in pieno. Quelle che so, è che è partito tutto dall’elevazione di un pensiero: da uno spirito allo Spirito. Immagino la perplessità di chi legge quest’affermazione. Si, mi dirà, ma scendendo dal fico, come lo spieghi più terra – terra? Anche ammesso che l’abbia potuto spiegare quando sono partito con i pensieri, ora, a pensiero raggiunto, non lo so più. Forse con un esempio: mi si immagini come la pallina di neve che al principio ha attuato la slavina. Fermata che si è, nella slavina non sappiamo più riconoscere la palla di neve che l’ha principiata, e la palla di neve, non sa più ritrovare in quale parte della slavina ora si trova. Al massimo, può riconoscere che ora si trova, completamente con_fusa nella vita della slavina. Ora, i dettagli che hanno vivificato la palla di neve non contano più. Al massimo, come storie da raccontare ai nipoti eredi: avendone.

apenna